logo Regione Toscana

Azienda Usl Toscana nord ovest

Massa Carrara | Lucca | Versilia |Pisa |Livorno

500 cardiologi dal 2 al 4 marzo a Lucca per discutere dei progressi della ricerca cardiovascolare

Lucca, 28 febbraio 2017 - "CardioLucca 2017", ovvero la medicina lucchese che dal San Luca guarda al futuro.

A Lucca per tre giorni, dal 2 al 4 marzo 2017, nella sala Ademollo di Palazzo Ducale, si incontreranno cardiologi provenienti da tutta Italia e dall'estero per discutere dei progressi della ricerca cardiovascolare.

“New Frontiers in Cardiovascular Diseases”: questo il titolo del tradizionale meeting lucchese, giunto alla sua undicesima edizione, che vedrà un ricco a articolato programma in cui si parlerà di innovazione cardiologica, ma anche organizzativa e che porterà a Lucca circa 500 specialisti.

Durante i lavori, verranno anche presentati i dati di attività del settore da parte del direttore dalla Cardiologia dell’ospedale San Luca di Lucca e dell’ospedale “Santa Croce” di Castelnuovo Garfagnana Francesco Bovenzi.

Proprio in questi giorni la Cardiologia di Lucca festeggia i suoi 48 anni, essendo nata nel 1969 come una delle prime terapie intensive cardiologiche create in Italia e divenuta oggi, nell’Azienda USL Toscana nord ovest, una delle più grandi strutture, con un’organizzazione su due presidi e tre ospedali, ma soprattutto una realtà assistenziale evoluta ed efficiente. La prevalenza di cardiopatici è alta e per rimanere solo alla Piana e alla Valle del Serchio è stimata in 30mila casi, mentre è pari a 200mila unità se si considera l’intera Azienda sanitaria.