logo Regione Toscana

Azienda Usl Toscana nord ovest

Massa Carrara | Lucca | Versilia |Pisa |Livorno

Ospedale Apuane: un incontro di aggiornamento su trauma e terapia intensiva - si è svolto nei giorni scorsi ed ha permesso di approfondire le tematiche mediche ed infermieristiche legate al reparto intensivo  

 

Massa, 5 ottobre 2018 –  “Apuane meeting” è un gruppo scientifico creato nel 2017 dalla Terapia intensiva con la collaborazione della Nefrologia dell’ospedale Apuane che si propone ogni anno di organizzare un congresso finalizzato ad approfondire gli aggiornamenti su tematiche mediche e infermieristiche legate al reparto intensivo.

Nei giorni scorsi (28 e 29 settembre), nell’auditorium della struttura ospedaliera, è stato quindi organizzato un evento con relatori di livello internazionale nel corso del quale è stato trattato nello specifico il tema “Trauma e terapia intensiva”.

Il trauma maggiore, o politrauma, nei paesi occidentali è la principale causa di morte nei soggetti di età inferiore ai 45 anni ed è causa d’invalidità permanente in un numero ancora maggiore di casi.
Costituisce un evento di frequente riscontro e di grande impegno professionale, sia dal punto di vista medico che infermieristico.

Come è stato evidenziato nell’incontro, all’interno della Terapia intensiva dell’ospedale Apuane circa il 12,5% dei ricoveri ogni anno riguarda traumi a dinamica maggiore (esclusi i traumi cranici di pertinenza neurochirurgica che vengono centralizzati).

Vengono garantite cure appropriate, seguendo linee guida internazionali, ed il personale sia medico che infermieristico è adeguatamente formato grazie a percorsi attinenti, sia interni che esterni all’Azienda.

La struttura di Terapia intensiva partecipa inoltre allo “Studio Giviti”, database dell’istituto Mario Negri per la valutazione degli interventi nello specifico settore.

Da evidenziare poi che in questo reparto particolare attenzione viene posta all’umanizzazione delle cure, come conferma l’accesso continuativo dei familiari (“rianimazione aperta), che migliora la qualità del ricovero dei pazienti e facilita l’instaurarsi di un rapporto di fiducia con la famiglia. Aprire la rianimazione significa infatti dare centralità al paziente nella sua dimensione umana.

Dall’importante convegno è dunque emerso che nel trattamento del traumatizzato la struttura dell’ospedale Apuane è in linea con i maggiori centri italiani e si pone tra le Terapie intensive all’avanguardia.

“La rilevanza del tema trattato e la partecipazione di esperti provenienti dai maggiori centri italiani - evidenziano gli organizzatori dell’evento - hanno sicuramente dato prestigio al nostro ospedale ad alla città. Questo avvenimento scientifico ha infatti permesso il confronto, l’approfondimento e l’adeguamento alle linee guida internazionali, per essere sempre più aggiornati e competenti nel trattare i nostri pazienti.”

(sdg)