logo Regione Toscana

Azienda Usl Toscana nord ovest

Massa Carrara | Lucca | Versilia |Pisa |Livorno

accedere ai servizi per gli anziani non autosufficienti

I familiari delle persone non autosufficienti possono rivolgersi al PuntoInsieme; questo costituisce la porta d'ingresso ai servizi ed alle prestazioni in favore delle persone che non sono più in grado di provvedere autonomamente alle necessità di tutti i giorni.

Sono molti gli sportelli diffusi su tutto il territorio aziendale. Una rete capillare alla quale rivolgersi per segnalare il bisogno rilevante di assistenza.

 

Cosa fa il PuntoInsieme?

Un operatore appositamente formato aiuta il cittadino nella compilazione di una scheda di segnalazione, un documento contenente alcune informazioni circa lo stato di salute della persona anziana per la quale viene richiesta assistenza.

Successivamente un’equipe di operatori qualificati contatta i familiari per raccogliere le informazioni necessarie previste dalla normativa e provvede ad effettuare una valutazione attenta di ciascun singolo caso e a definire il progetto personalizzato: pacchetto di prestazioni e di interventi appropriati alle condizioni di bisogno della persona non autosufficiente.

Oltre al piano di prestazioni personalizzato viene nominato un referente, la persona alla quale rivolgersi durante l'intero percorso.

La definizione del progetto personalizzato dovrà avvenire al massimo entro un mese dalla presentazione della segnalazione. Il progetto personalizzato dovrà essere condiviso e sottoscritto tra i familiari dell'assistito e gli operatori del distretto socio-sanitario.

Il progetto personalizzato si potrà concretizzare in:

  • assegno di cura
  • contributo economico per badante
  • interventi assistenziali domiciliari
  • inserimenti temporanei o definitivi in centri diurni
  • inserimenti temporanei o di sollievo in RSA - Residenze Sanitarie Assistite
  • proposte di inserimento in lista d’attesa generale per ricongiungimento di quota sanitaria per RSA definitiva e quota sociale a carico del Comune di residenza (con compartecipazione dell’assistito)

Il progetto è il risultato di una procedura integrata e condivisa tra Azienda USL e Comuni.

Dove sono i punti insieme?

Punti insieme dell’ambito territoriale Lunigiana

Punti insieme dell’ambito territoriale Apuane

Punti insieme dell’ambito territoriale Versilia

Punti insieme dell’ambito territoriale Valle del Serchio

Punti insieme dell’ambito territoriale Piana di Lucca

Punti insieme dell’ambito territoriale Pisano

Punti insieme dell’ambito territoriale Livornese

Punti insieme dell’ambito territoriale Bassa Val di Cecina

Punti insieme dell’ambito territoriale Val di Cornia

Punti insieme dell’ambito territoriale Elba

 

Pronto Badante

“Pronto Badante” è il progetto della Regione Toscana che ha come obiettivo il sostegno alla famiglia nel momento in cui si presenta la prima fase di fragilità dell’anziano.

Prevede l’intervento diretto di un operatore presso l’abitazione della famiglia dell’anziano, in modo da garantire un unico punto di riferimento per avere informazioni riguardanti i percorsi socio-assistenziali e un sostegno economico per l’attivazione di un rapporto di assistenza familiare con una badante.

 

A chi è rivolto il progetto Pronto Badante?

  • persona con età superiore a 65 anni
  • residente in Toscana
  • che si trova in un momento di difficoltà, fragilità o disagio che si manifesta per la prima volta
  • non avere già in atto un progetto di assistenza personalizzato da parte dei servizi territoriali
  • non aver già stipulato un contratto di assistenza familiare con una badante

 

Come fare per attivare il progetto?

Contattando il Numero Verde 800 59 33 88 - attivo da lunedì a venerdì dalle ore 8 alle 18 e il sabato dalle ore 8 alle 13 - un operatore autorizzato interverrà entro 48 ore direttamente presso l'abitazione dove risiede la persona anziana in difficoltà. Qualora a seguito della visita dell’operatore, l’anziano abbia tutti i requisiti previsti, la Regione Toscana corrisponderà dei buoni lavoro per un valore pari a 300 euro, comprensivi di contributi previdenziali e assicurativi, per attivare un primo rapporto di lavoro regolare e occasionale con un badante.

 

Per saperne di più vai alle pagine della Regione Toscana