fare iscrizione al servizio sanitario

Ogni cittadino regolarmente residente nel territorio di competenza dell’Azienda Toscana nord ovest ha diritto ad essere iscritto come assistito al Servizio Sanitario Nazionale e scegliere, presso uno dei distretti abilitati, un medico di medicina generale di riferimento o, nel caso dei minori di 14 anni, un pediatra di libera scelta. Il cittadino avrà diritto all'assistenza solo dopo l'iscrizione e la scelta del medico.

Quali documenti servono per iscriversi al Servizio Sanitario?

Per iscriversi al servizio sanitario il cittadino interessato, o un suo delegato munito di delega scritta, deve presentarsi presso una delle sedi con sportelli abilitati al Servizio di Anagrafica della propria zona socio-sanitaria con documenti che cambiano a seconda che si richieda:

NUOVA ISCRIZIONE

  • documento di riconoscimento valido ;
  • tessera sanitaria/codice fiscale;
  • autocertificazione con cui viene attestata la residenza, oppure ricevuta di avvio del procedimento di richiesta di residenza rilasciata dal Comune.

ISCRIZIONE DI UN NUOVO NATO

  • documento di riconoscimento valido genitore;
  • tessera sanitaria/codice fiscale del neonato;
  • autocertificazione di nascita rilasciata da chi esercita la potestà genitoriale, accompagnata da delega nel caso in cui allo sportello si presenti un delegato di chi esercita la potestà genitoriale.

ISCRIZIONE PER CAMBIO RESIDENZA

  • documento di riconoscimento valido ;
  • tessera sanitaria/codice fiscale;
  • autocertificazione con cui viene attestata la residenza, oppure la ricevuta di avvio del procedimento di richiesta di residenza presso il Comune;
  • documento di iscrizione al SSN rilasciato dall’Azienda sanitaria di provenienza.

ISCRIZIONE TEMPORANEA PRESSO L’AZIENDA TOSCANA NORD OVEST

I cittadini residenti in altre province o regioni per i motivi di seguito elencati possono ottenere il domicilio sanitario temporaneo e scegliere un medico di base presso l’Azienda USL Toscana nord ovest per un periodo non inferiore a 3 mesi e non superiore ad un anno, rinnovabile, presentando allo sportello i seguenti documenti:

  • documento di riconoscimento valido ;
  • tessera sanitaria/codice fiscale;
  • documento rilasciato dall’Azienda sanitaria di provenienza che indichi l’avvenuta cessazione dell’iscrizione;
  • domanda di domiciliazione sanitaria temporanea.

A seconda del motivo per cui si richiede l’iscrizione temporanea, sono necessari anche i seguenti documenti:

per motivi di lavoro (l'assistenza può essere estesa anche al nucleo familiare, in questo caso il domicilio non può essere rinnovato per più di un anno):

  • dichiarazione del datore di lavoro o autodichiarazione del cittadino stesso;

per motivi di studio:

  • documentazione di iscrizione scolastica/universitaria o autocertificazione rilasciata dal cittadino stesso;

per motivi di salute:

  • dichiarazione del medico specialista pubblico o del medico di distretto;

per motivi di assistenza (a familiare già residente nella provincia che necessiti assistenza continua):

  • autocertificazione dalla quale risulti la necessità di tale assistenza;

per svolgimento del servizio civile:

  • dichiarazione dell’ente dove viene effettuato il servizio o autodichiarazione rilasciata dal cittadino stesso;

per iscrizione presso un centro per l’impiego (nell’ambito della Regione Toscana, per un periodo massimo di un anno non rinnovabile):

  • documentazione comprovante l’iscrizione o autodichiarazione rilasciata dal cittadino stesso;

per titolarità di contratto di lavoro di almeno un mese:

  • dichiarazione del datore di lavoro o autodichiarazione del cittadino stesso;
  • dichiarazione di permanenza di almeno tre mesi nel Comune dove viene richiesto il domicilio sanitario;

per ricovero (in istituti di cura o case di riposo):

  • documentazione comprovante il ricovero o autodichiarazione rilasciata dal cittadino stesso;

per stato di semilibertà o detenuti (sottoposti alle misure di prevenzione dell’obbligo di soggiorno):

  • provvedimento di concessione della semilibertà;

per religiosi (fino alla professione dei voti):

  • documentazione comprovante lo stato o autodichiarazione;

per minori in affidamento:

  • documentazione comprovante l'affido;

per militari di carriera (assegnati in via temporanea in località diversa dalla residenza o distaccati per frequentare corsi di studio, l’assistenza può essere estesa anche al nucleo familiare):

  • documentazione comprovante lo stato o autodichiarazione.

DEROGHE TERRITORIALI

Previo assenso scritto del medico stesso, in determinate situazioni l’assistito può scegliere un medico che opera in un ambito territoriale diverso da quello di residenza. Può farlo soltanto nel caso in cui i Comuni siano geograficamente confinanti, e dopo la presentazione di specifica domanda di scelta in deroga valutata dal comitato dei medici di medicina generale o dei pediatri. Per maggiori informazioni rivolgersi agli sportelli.

Cosa viene rilasciato al momento dell’iscrizione?

Al momento dell'iscrizione al cittadino viene rilasciato il libretto sanitario, un documento cartaceo con il nome del medico scelto.

Il ricevimento della Tessera Sanitaria comporta l'iscrizione automatica al Servizio Sanitario?

La Tessera Sanitaria con il codice fiscale che l'Agenzia delle Entrate invia a tutti i cittadini residenti e agli stranieri con regolare permesso di soggiorno NON comporta automaticamente l'iscrizione al servizio sanitario.

Si possono iscrivere al Servizio Sanitario Nazionale anche i cittadini stranieri?

I cittadini di paesi comunitari residenti in Italia sono obbligatoriamente iscritti al Servizio Sanitario Nazionale, qualora non siano già iscritti a carico dello stato di provenienza.

I cittadini di paesi extracomunitari con regolare permesso di soggiorno possono iscriversi al Servizio Sanitario Nazionale con gli stessi diritti dei cittadini italiani, per il periodo di permanenza nel nostro Paese.

I cittadini di paesi extracomunitari non in regola con il permesso di soggiorno hanno diritto all’assistenza sanitaria per trattamenti ambulatoriali e ospedalieri urgenti o indispensabili (emergenza, percorso nascita) e di medicina preventiva. In caso di necessità, tutti i cittadini stranieri possono usufruire dei servizi di emergenza, anche se non sono iscritti al Servizio Sanitario Nazionale.