logo Regione Toscana

Azienda Usl Toscana nord ovest

Massa Carrara | Lucca | Versilia |Pisa |Livorno

Ospedale di Livorno, inaugurata dall’assessore Saccardi la Centrale Operativa 118

LIVORNO, 08 aprile 2017 – Questa mattina, sabato 8 aprile, l’assessore regionale alla Salute, Stefania Saccardi è venuta in visita all’ospedale di Livorno ad inaugurare la nuova centrale operativa 118. Alla presentazione della nuova Centrale operativa erano con l’assessore Saccardi il direttore generale della Asl Toscana nord ovest Maria Teresa De Lauretis e il coordinatore della Centrale operativa 118 Paolo Tognarelli.

“Qui è stato fatto – commenta l’assessore Saccardi - un lavoro importante e per questo ringrazio il personale dell’Azienda USL Toscana nord ovest e le associazioni di volontariato che operano sui territori di Livorno e Pisa, che svolgono un ruolo fondamentale, sempre insieme alle istituzioni. Passare da sei a tre Centrali Operative non è un’operazione banale, ma i risultati stanno evidenziando la bontà di questa scelta. Certo, ci vuole un po’ di tempo per riorganizzare un sistema complesso come questo, però il fatto di uniformare protocolli prima diversi da territorio a territorio significa dare a tutti i cittadini le stesse opportunità di cura, in qualsiasi parte della Toscana essi vivano. Il 118 è un servizio strategico, che a volte risponde anche ad un bisogno sociale della popolazione. Per questo motivo con il tavolo di coordinamento delle associazioni di volontariato stiamo lavorando per migliorare sempre di più il sistema di emergenza urgenza della nostra regione”.

Con l’occasione ha avuto la possibilità anche di vedere la sede della Breast Unit, il centro senologico recentemente presentato alla città, e soprattutto di visitare in anteprima il secondo padiglione, la nuova struttura che sarà inaugurata nelle prossime settimane e che ospiterà, tra gli altri, il reparto di Medicina.


Queste le schede sintetiche delle tre attività:

CENTRALE OPERATIVA 118 LIVORNO-PISA
SCHEDA  ATTIVITA’ PERIODO: DAL 15.02.2017 AL 31.03.2017

EMERGENZA: N° interventi totali  9.828
Interventi con medico n. 2.665 che corrisponde al 27% del totale degli interventi.

Codici Rossi                                                n° 1.872
Codici Gialli                                                n° 5.638
Codici Verdi                                                n° 2.169
Codici Bianchi                                            n°    148  

Intervallo Allarme-Target  PISA-LIVORNO ( media totale )          15,39  minuti
(Tempi di percorrenza maggiori per complessità territoriale Colline Val d’Era e Alta Val di Cecina)

Livorno                      14,11  minuti
Pisa                          16,61  minuti

TRASPORTI EX ORDINARI: N. 21.833


OSPEDALE 2° PADIGLIONE - DEGENZA MEDICA
Nel II Padiglione saranno presenti le Unità Operative di Medicina Generale; Neurologia; Pneumologia; Gastroenterologia e Endoscopia Digestiva. La dotazione dei posti letto al 2° padiglione non subirà variazioni rispetto alle dotazioni attuali.


BREAST UNIT, CENTRO DI SENOLOGIA
Considerando che a Livorno vengono diagnosticati circa 350 nuovi casi ogni anno, quasi uno al giorno, è importante che la città si sia dotata di un nuovo centro di senologia multidisciplinare presentato ufficialmente il mese scorso. Dal 4 marzo, giorno di apertura ufficiale, ad oggi, 120 sono gli interventi già eseguiti, mentre 130 sono quelli già programmati per le prossime settimane.
Il nuovo centro di senologia multidisciplinare (Breast Unit) permette alle donne della provincia livornese di avere a disposizione una rete all’avanguardia per la diagnosi e cura del tumore al seno che ha al suo interno tutte le professionalità necessarie al proprio percorso diagnostico e terapeutico (oncologo - chirurgo senologo – radiologo - chirurgo plastico - radioterapista -psico-oncologo - fisiatra - medico nucleare – anatomopatologo).
Il centro è impegnato anche nella costruzione di una rete diffusa sul territorio che permetta pari diritti a tutte le pazienti ovunque si trovino garantendo servizi, per quanto possibile, vicini, con riduzione degli spostamenti e valorizzazione delle risorse professionali già presenti.