logo Regione Toscana

Azienda Usl Toscana nord ovest

Massa Carrara | Lucca | Versilia |Pisa |Livorno

2017_09_19_Conferenza dei Sindaci, adottate le linee di indirizzo del piano attuativo locale (19 settembre 2017)

PISA, 19 settembre 2017 - La conferenza aziendale dei sindaci di Area Vasta NordOvest ha adottato le linee di indirizzo al Pal, il Piano Attuativo Locale. Adesso il documento verrà portato nelle singole conferenze zonali da cui potranno arrivare condivisioni, suggerimenti e integrazioni, per poi tornare in conferenza dei sindaci d'area vasta ed essere approvato definitivamente. Un percorso questo che si concluderà entro la metà di ottobre.

Il commento del presidente Samuele Lippi: "L'approvazione degli indirizzi è un passaggio importante, frutto di un’ampia discussione e condivisione, essenziale per arrivare a quello che è il concreto strumento di programmazione strategica, il Pal. Le linee di indirizzo generali che abbiamo tracciato dovranno trovarvi concretezza e acquisire specificità rispetto alle esigenze dei vari territori".

Nelle linee di indirizzo si fissa il principio secondo cui alla base della programmazione debba esserci un'attenta analisi delle singole zone distretto con l'obiettivo di "perseguire livelli omogenei di attività e servizi superando le attuali diseguaglianze nell'accesso. Questo non deve comportare passi indietro ma affrontare criticità e punti deboli".

Gli obiettivi principali quindi fissati nelle linee di indirizzo sono: omogeneità nei percorsi diagnostico terapeutici assistenziali, rispetto delle specificità territoriali, integrazione all'interno della rete anche attraverso la condivisione di informazioni tra operatori, sistema e cittadini, mobilità dei professionisti.

Tra gli indirizzi specifici spiccano quello di rivedere la disponibilità di posti letto offrendo a tutti una risposta omogenea, potenziare le prestazioni specifiche ambulatoriali  ampliando la copertura oraria, implementare la rete emergenza urgenza con risposte che tengano conto dei flussi turistici, rivedere e potenziare l'offerta di servizi diagnostici per abbattere liste di attesa, garantendo adeguato personale e pieno utilizzo delle apparecchiature. Anche negli indirizzi si sottolinea una "distribuzione non omogenea del servizio emodinamica, in particolare nella zona sud. Occorre quindi che venga rivista la rete anche attraverso la mobilità degli operatori". Nel documento inoltre si pone l'attenzione sulle realtà insulari, comuni montani e aree disagiate e periferiche, spesso scarsamente popolate, che richiedono al fine di garantire qualità ed efficacia delle cure, che vengano sviluppati strumenti innovativi di condivisione in rete delle competenze, in particolar modo per le patologie tempo dipendenti.  
 

Ampia attenzione è stata posta anche al rapporto medico - paziente e alla necessaria umanizzazione dello stesso.